Prima di iniziare a prepararsi per un colloquio di lavoro, è necessario capire che tipo di colloquio è quello che si sta preparando. È un colloquio di lavoro? A intervista basata sulle competenze? O dovresti prepararti per un colloquio di gruppo?

A seconda di ciò che i datori di lavoro stanno cercando di valutare, useranno diversi tipi di tecniche di intervista.

1. Interviste comportamentali

Il colloquio basato sul comportamento (BBI) è usato per valutare come avete gestito situazioni specifiche relative all’impiego nel vostro lavoro precedente, il che li aiuterà a valutare le vostre prestazioni future. La differenza tra un colloquio basato sul comportamento e un colloquio di lavoro tradizionale è che ti viene chiesto di descrivere, in dettaglio, come hai affrontato una certa situazione nel passato che è simile a quella che incontrerai nel ruolo per cui stai facendo il colloquio.

Preparati: Esempi di domande di intervista basate sul comportamento

    • “Fammi un esempio di una volta che hai affrontato un conflitto mentre lavoravi in una squadra. Come l’hai gestito?”
    • “Parlami di una volta in cui sei stato sotto pressione. Cosa stava succedendo e come l’hai superato?”.
    • “Descrivi una volta in cui hai visto un problema e hai preso l’iniziativa per correggerlo piuttosto che aspettare che qualcun altro lo facesse”.

Per prepararti a rispondere a quasi tutte le domande, leggiti la nostra guida alle domande tipiche nei colloqui di lavoro.

2. Interviste situazionali

Durante un case interview ti verrà data una situazione e ti verrà chiesto come gestiresti quella specifica situazione e/o risolveresti un problema aziendale. BCG, Bain o McKinsey usano spesso interviste a casi per valutare le capacità dei candidati per posizioni di consulenza manageriale.

In genere, sarà molto probabilmente uno scenario di business che incontrerai quando lavorerai per l’azienda.

Preparati: Domande da colloquio situazionale

Nella maggior parte dei casi, non c’è necessariamente una risposta giusta o infatti un modo di affrontare un problema. Gli intervistatori cercano un approccio strutturato che sia efficacemente comunicato. Si tratta di trovare un modo per ottenere una visione, anche quando non c’è una soluzione ovvia, e spiegare i processi efficaci che useresti per scoprire le questioni sottostanti.

3. Interviste sullo stress

Un colloquio sotto stress, come indica il nome, serve a valutare come rispondete allo stress e sotto pressione estrema. A differenza di altri tipi di colloqui in cui i responsabili delle assunzioni faranno uno sforzo per farvi sentire a vostro agio, questo non è il caso durante un colloquio di stress.

Durante questo tipo di colloquio i responsabili delle assunzioni cercheranno di valutare quanto bene (o male) gestiresti certe situazioni stressanti sul lavoro.

Preparati: Domande sullo stress

Siate pronti a rispondere a domande che vanno dal leggermente sconcertante all’aggressivo e persino inappropriato. Alcune domande potrebbero essere anche piuttosto conflittuali, come ad esempio:

  • “Perché sei stato licenziato dal tuo ultimo lavoro?”
  • “Come pensi che stia andando questa intervista?”
  • “Come ti comporteresti con un collega che hai sorpreso a rubare?”

La chiave per gestire questo tipo di colloquio è mantenere la calma. Anche se può essere difficile mantenere la calma durante questo tipo di colloquio di lavoro, in quanto ci si sente come se l’intervistatore è personalmente fuori a prenderti, ci sono una serie di tecniche che è possibile utilizzare per superare un colloquio di stress, come chiarire la domanda, richiedere più dettagli o raccontare una storia che rende il vostro punto.

4. Interviste basate sulle competenze

Le interviste basate sulle competenze sono anche conosciute come “interviste strutturate” e sono usate dai responsabili delle assunzioni per valutare le tue soft skills e le tue competenze interpersonali. Le abilità e le competenze che vengono valutate variano a seconda della posizione per cui stai facendo il colloquio. Le abilità e le competenze che ti potrebbe essere chiesto di dimostrare sono:

  • Comunicazione
  • Decisione
  • Leadership
  • Lavoro di squadra
  • Resilienza

I responsabili delle assunzioni vi faranno domande in relazione al vostro comportamento in circostanze specifiche che dovreste sostenere con esempi.

Preparati: Esempi di domande per l’intervista

  • “Quale cambio di lavoro ha trovato più difficile da fare?”
  • “Raccontaci una situazione in cui le tue capacità di comunicazione hanno fatto la differenza in una situazione”.
  • “Come pensi che scrivere una relazione differisca dalla preparazione di una presentazione orale?”

5. Interviste di gruppo

Come indica il nome, questo tipo di colloquio di lavoro significa che più candidati vengono intervistati allo stesso tempo ed è spesso utilizzato se la società sta assumendo per più di una posizione.

Preparati: Esempi di domande per interviste di gruppo

Qui sotto ci sono alcune delle domande per un’intervista di gruppo che Google Hire suggerisce ai responsabili delle assunzioni di fare durante un’intervista con più partecipanti:

  • “Perché vuoi lavorare per la nostra azienda?”
  • “In cinque minuti, spiega qualcosa di complicato ma che conosci bene”.
  • “Descrivi un errore che hai fatto nel tuo ultimo lavoro e come lo hai risolto”.

6. Interviste di gruppo

Durante un colloquio a pannello, sarete intervistati da più intervistatori della stessa organizzazione e/o di una società esterna. L’obiettivo di questo tipo di colloquio è quello di ridurre al minimo il rischio di una cattiva assunzione.

Preparati: Domande per le interviste di gruppo

Le domande per il colloquio di gruppo variano a seconda della società e della posizione per cui ti stai candidando. Queste possono essere domande come:

  • “Come ti descriverebbe un collega?”
  • “Perché vuoi lavorare per noi?”
  • “Perché dovremmo assumerti?”

Tuttavia, potrebbero esservi poste anche domande basate sul comportamento e/o sulle competenze. Per le domande di approfondimento che puoi aspettarti in un’intervista a pannello, potresti considerare di prepararti leggendo la guida completa alle interviste a pannello.

7. Video & Interviste a distanza

Le interviste video e a distanza, quando il candidato e l’intervistatore sono separati dalla distanza, sono diventate molto più comuni. Le interviste video possono essere sia con il responsabile delle assunzioni che con un reclutatore e possono essere di persona o “su richiesta”. Su richiesta significa che registrerete le vostre risposte a una serie di domande dell’intervista che il responsabile delle assunzioni potrà rivedere.

Intervistare in questo modo permette all’organizzazione che assume di attingere a un pool di talenti più ampio e diversificato.

Prepararsi: Prepararsi per un’intervista video

Le interviste a distanza hanno le loro sfide e tu vuoi assicurarti di essere letteralmente “impostato” nel miglior modo possibile per garantire che la tua intervista si svolga senza intoppi facilmente evitabili.

  • Fai una prova (il link funziona? Hai scaricato il software giusto?)
  • Controlla la tua webcam e il microfono (il video è chiaro e la tua voce si sente bene?)
  • Controlla il tuo sfondo (com’è il tuo sfondo? Hai rimosso tutto ciò che sembra disordinato o poco professionale?)

Abbigliamento da colloquio a distanza – Sii presentabile

C’è una buona possibilità che tu non abbia bisogno di alzarti durante questo tipo di intervista. Tuttavia, è meglio essere sicuri che dispiaciuti. Assicuratevi di essere vestito in modo appropriatoÈ importante entrare nella stessa mentalità come se andaste negli uffici per il vostro colloquio.

8. Interviste telefoniche

I colloqui telefonici possono spesso essere uno dei primi passi nel processo di intervista. Sempre di più, le aziende effettuano uno screening telefonico pre-intervista prima di invitare la persona per un colloquio faccia a faccia, quindi è fondamentale che tu sia completamente preparato a parlare al telefono.

Preparati: Comportamento nell’intervista telefonica

  • Eliminare tutte le distrazioni (trovare un posto tranquillo, avere il materiale nelle vicinanze per un facile accesso)
  • Parla chiaramente (fai una pausa tra le domande e pensa a quello che vuoi dire)
  • Ascoltare e non dominare la conversazione (fare domande sul lavoro che non sono state coperte nell’annuncio di lavoro)

Qui di seguito ci sono alcune domande che puoi preparare in anticipo per uno screening telefonico:

  • “Parlami di te e della tua esperienza”.
  • “Perché vuoi lavorare in questa azienda in particolare?”
  • “Puoi condividere qualche esperienza di quando hai gestito una squadra?”

9. Interviste a pranzo

Le interviste a pranzo differiscono drasticamente dagli altri tipi di intervista, in quanto il colloquio si svolge durante un pasto. Oltre a preoccuparsi di quali sono le domande del colloquio a cui dovreste essere preparati, ci sono una serie di considerazioni aggiuntive. Cosa dovreste ordinare che non sia disordinato da mangiare? Come farete a parlare dei vostri successi professionali mentre cercate di mangiare?

Preparati: Come prepararsi per un colloquio al ristorante

L’intervistatore guarderà come interagisci con il padrone di casa, il modo in cui ti rivolgi al personale di servizio e alle altre persone nel ristorante. Va da sé che dovresti essere sempre educato, ma in questa situazione devi essere consapevole del fatto che ti stanno osservando, quindi assicurati di essere cortese con tutti!

Data la loro stessa natura, i colloqui a pranzo sono più informali dei colloqui in ufficio, quindi dovrai essere preparato a mantenere una buona conversazione – quando ti prepari per il lato più tecnico del colloquio, dovresti dedicare un po’ di tempo a ripulire le tue chiacchiere. È comunque fondamentale evitare certi argomenti come la politica o la religione; il tempo e i piani per le vacanze sono sicuri.

Altri tipi di interviste

Interviste simulate

Un colloquio simulato ti dà l’opportunità di fare pratica per il “vero” colloquio di lavoro. Puoi fare pratica con un career coach, un consulente o un consulente di reclutamento. Per esempio, alla Morgan McKinley forniamo PREPARAZIONE AL COLLOQUIO a tutti i nostri candidati. PREP sta per Preparare, Recensione, Valutare e Perfetto.

Durante PREP vi daremo un’idea dei tipi di domande che una particolare organizzazione di assunzioni può fare, così come alcune indicazioni sulle diverse esigenze di alcuni singoli manager di assunzioni. Ogni responsabile delle assunzioni avrà un approccio diverso al colloquio e più sei preparato, migliore sarà il risultato!

Colloqui di uscita

I colloqui di uscita sono l’opposto di un colloquio di lavoro. Un colloquio di uscita è il tipo di colloquio che si fa se si decide di lasciare una società e/o se si viene licenziati.

Le aziende conducono questo tipo di interviste per ottenere un feedback sul lavoro che hai lasciato e per ottenere una migliore comprensione di come i dipendenti percepiscono l’organizzazione nel suo complesso. In breve, le interviste di uscita permettono a un’azienda di migliorare continuamente la sua cultura del posto di lavoro e di ottimizzare le relazioni con la forza lavoro.

Preparati: Domande per il colloquio di uscita

Alcune delle domande che ti potrebbero essere poste sono:

  • “Il pacchetto di benefici dell’azienda era sufficiente?”
  • “Hai ricevuto una formazione sufficiente per svolgere il lavoro in modo efficace?”
  • “Cosa ti è piaciuto di meno nel lavorare per l’azienda?”
  • “Cosa ti è piaciuto di più del tuo lavoro?”
  • “Perché lasci il tuo lavoro?”

Prepararsi al colloquio

Come puoi vedere, le interviste si presentano in tutte le forme. Tuttavia, hanno tutte una cosa in comune: la preparazione è la chiave del successo. Un modo efficace per prepararsi è quello di usare il metodo STAR

S – Situazione

T – Compito

A – Azione(i)

R – Risultato(i)

Per la Situazione bisogna “apparecchiare la tavola”: dai tutte le informazioni importanti.

Compito: è quello che stai cercando di ottenere o quello a cui stai cercando di rimediare data la situazione.

Azione(i): Vuoi menzionare specificamente i passi che tu stesso hai fatto per portare a termine il compito.

Risultato: è il dessert, dove lasci l’intervistatore annuendo, sorridendo e segnando la tua data di inizio. La chiave è fornire impatti tangibili del tuo lavoro.