Dopo un colloquio di lavoro, è naturale volere un aggiornamento sul processo di assunzione, soprattutto se pensi che sia andato bene. Tuttavia, ci sono diverse potenziali insidie da evitare quando si invia un’email di follow-up dopo il colloquio. Se ti presenti come insistente, sciatto o troppo informale, potresti danneggiare le tue possibilità di ottenere il lavoro.

Scegli il momento giusto per inviare un’e-mail di follow-up

Lascia il tempo che la polvere si depositi. C’è una buona probabilità che il tuo intervistatore stia parlando con altri candidati, quindi c’è poco da guadagnare a contattarlo il giorno stesso. Aspetta qualche giorno prima di inviare l’importantissimo follow-up.

Tono di voce

Indipendentemente dal tono della vostra intervista, mantenete il vostro seguito professionale e cortese. Non è il momento per l’autoironia umoristica. Sii chiaro sullo scopo del tuo messaggio. Presumibilmente stai semplicemente cercando un aggiornamento sul processo di reclutamento, quindi vai al punto e non sprecare tempo e parole in inutili chiacchiere.

Cosa includere nella tua email di follow-up

È importante essere disciplinati quando si invia l’e-mail di follow-up. Segui questa guida per un messaggio semplice e professionale che ti dia le migliori possibilità di ricevere una risposta.

Oggetto

Non c’è bisogno di passare ore a deliberare su una linea dell’oggetto scattante. L’approccio più efficace, che probabilmente farà aprire rapidamente il tuo messaggio, è quello di rispondere all’email più recente tra te e l’intervistatore o il manager delle risorse umane. Se questo non è possibile (per esempio se hai sempre comunicato tramite un selezionatore, piuttosto che direttamente con l’intervistatore) includi semplicemente il tuo nome, la data e l’ora del colloquio.

Come guida, segui questo formato:

John Smith – Re: Intervista martedì alle 16

Introduzione

Se ti chiami per nome con la persona che stai contattando – potresti aver scambiato più email e parlato faccia a faccia a questo punto, allora va bene aprire la tua email di follow-up usando il suo nome. In caso contrario, o se non sei sicuro, attieniti al suo titolo e cognome (es. Mr. / Ms. Jones).

Testo del corpo

Mantienilo semplice. Presumibilmente, la ragione principale per cui stai inviando un’e-mail è per un aggiornamento sui progressi – l’intervistatore lo saprà prima ancora di aver aperto il tuo messaggio. Sii educato ma diretto:

  • Ringraziateli per il loro tempo nell’intervista.
  • Spiega che stai dando seguito al colloquio – ricordati di essere specifico sul lavoro, menzionando il titolo e la data del colloquio.
  • Riaffermate il vostro interesse per la posizione e dite che siete ansiosi di conoscere i prossimi passi.
  • Chiedi un aggiornamento sui progressi, spiegando che qualsiasi informazione che possono fornire sarebbe molto apprezzata.

Firmamento fuori

Dopo aver espresso il tuo punto di vista nel corpo principale della tua e-mail di follow-up, concludi invitando il tuo intervistatore a fare ulteriori domande. Chiudi con un semplice “non vedo l’ora di sentirti”, poi un “grazie” seguito dal tuo nome completo.

Controlli finali

Per quanto sembri ovvio, non dimenticare di leggere la tua email di follow-up prima di inviarla. Assicurati che sia ben spaziata, correttamente punteggiata e senza errori di battitura. Il passaggio attraverso un correttore ortografico dovrebbe aiutare.

Usa il nostro modello di email di follow-up

Sentiti libero di usare questo modello per la tua email di follow-up:

Subject: John Smith – Re: Intervista martedì alle 16

Ciao <Julie / Ms. Jones>,

Grazie per il tuo tempo <ieri / data del colloquio>. E ‘stato bello parlare con voi circa il <job title> ruolo e sono convinto che la posizione è una misura perfetta per questa fase della mia carriera. Speravo di ottenere un aggiornamento sul processo di reclutamento, quindi qualsiasi informazione che potete darmi sui prossimi passi sarebbe molto apprezzata. Inoltre, sentitevi liberi di farmi qualsiasi domanda che possa essere venuta fuori dall’ultima volta che abbiamo parlato.

Non vedo l’ora di sentirti,

John Smith

Alternative all’invio di un’email di follow-up

L’e-mail potrebbe non essere il mezzo migliore per il follow-up, in particolare se non hai mai comunicato con l’intervistatore via e-mail prima. A seconda del lavoro per cui ti stai candidando, alcune o tutte queste alternative potrebbero essere più appropriate:

  • Una piattaforma di messaggistica istantanea (ad esempio Google Hangouts, Skype, LinkedIn Messenger)
  • LinkedIn
  • Telefonata
  • WhatsApp

Se hai superato il tuo primo colloquio e sei ora alla fase successiva, allora leggi il nostro articolo su ‘Cosa aspettarsi nel tuo colloquio di seconda fase e come prepararsi’. In alternativa, se desideri un consiglio da uno dei nostri consulenti di reclutamento specializzati, contattaci oggi stesso.