Chiedere un feedback dopo un rifiuto di lavoro

Se stai cercando consigli su come chiedere un feedback dopo un rifiuto di lavoro, sei nel posto giusto.

Ti spiegherò esattamente come chiedere un feedback ai datori di lavoro, così potrai migliorare e farti assumere più velocemente. Cosa copriremo:

  • Quando chiedere un feedback dopo essere stato rifiutato
  • Dovresti chiederlo per telefono o per e-mail?
  • Cosa dire quando si chiede
  • Errori da evitare quando si chiede

Quando e come chiedere un feedback dopo un rifiuto di lavoro

Cominciamo con quando chiedere…

Raccomando di chiedere un feedback al datore di lavoro subito dopo che ti hanno detto che hanno deciso di non assumerti.

Se ricevi un’e-mail di rifiuto, io risponderei entro 24 ore (aspetta almeno qualche ora però; non vuoi sembrare disperato o in preda al panico).

Se ti chiamano e ti danno la cattiva notizia per telefono, chiedi un feedback proprio in quella telefonata. E parleremo esattamente di come farlo tra un secondo.

Un ultimo scenario: se ti chiamano, e non sei in grado di rispondere così hanno lasciato un messaggio vocale, io li richiamerei per chiedere un feedback al telefono. Se preferisci scrivere un’email, puoi farlo, ma penso che chiamare sia meglio.

Chiama durante le ore di lavoro, e se non li raggiungi, riattacca senza lasciare un messaggio vocale. In questo modo puoi riprovare un’altra volta per cercare di averli dal vivo al telefono. In caso contrario, puoi lasciare un messaggio vocale.

Ora parliamo di cosa dire effettivamente quando chiedete un feedback (e alcune cose che dovreste evitare di fare)…

Come chiedere un feedback dopo un rifiuto di lavoro (per telefono o e-mail)

  1. Ringraziali per averti seguito per comunicarti la loro decisione
  2. Spiega che stai sempre cercando di migliorarti nella tua ricerca di lavoro e nella tua carriera
  3. Chiedi se c’è un pezzo di esperienza che hanno ritenuto carente, o qualcosa che potresti fare per presentarti meglio come candidato nei colloqui futuri
  4. Se stai inviando un’e-mail, concludi l’e-mail ringraziandoli di nuovo per il loro tempo e dicendo loro che apprezzeresti qualsiasi feedback che possano condividere
  5. Se sei al telefono, fai una pausa dopo aver chiesto e aspetta che ti rispondano. Se ti danno un feedback, ascolta attentamente quello che dicono e prendi nota (così potrai migliorare in futuro)
  6. Se non condividono nulla dopo questo, è molto improbabile che tu abbia un feedback. Ti consiglierei di andare avanti

Ora che sai come chiedere un feedback dopo essere stato rifiutato da un datore di lavoro, ecco un paio di cose che sicuramente non vuoi fare…

Come rispondere a una e-mail di rifiuto: Esempio di script

Abbiamo appena coperto i passi per come rispondere a un’email di rifiuto di lavoro, quindi ora guardiamo un esempio di email:

Caro nome,

Grazie per avermi seguito e informato della vostra decisione.

Una domanda: Sono sempre alla ricerca di modi per migliorarmi nella mia carriera. C’è stata una parte di esperienza che ti è sembrata carente, o un argomento che potrei presentare meglio nelle future interviste?

Qualsiasi feedback che puoi condividere sarebbe fantastico e mi aiuterebbe a continuare a migliorare nella mia ricerca di lavoro e nella mia carriera!

Grazie per il vostro tempo,

Il tuo nome

Se strutturi la tua email come l’esempio qui sopra, sembrerai professionale e massimizzerai le tue possibilità di ottenere un feedback utile e onesto quando rispondi a un rifiuto.

Cosa NON fare quando rispondi a un rifiuto di lavoro

Se ti hanno rifiutato dopo un’intervista perché il tuo colloquio è andato male, non cambieranno idea adesso.

Quindi chiedere un feedback dovrebbe servire a migliorare te stesso, a scoprire cosa potresti fare in modo diverso nelle interviste future, o quali abilità ed esperienze potresti aggiungere al tuo curriculum per andare avanti.

Questa non è un’argomentazione, o una possibilità di persuaderli un’ultima volta. Non funzionerà, e vi farà sembrare disperati.

Quindi ecco le 4 cose principali che dovresti evitare di fare quando rispondi a un rifiuto di lavoro…

1. Non sembrare amareggiato o sconvolto all’inizio della chiamata (o dell’email)

Il modo in cui iniziate la chiamata o l’e-mail farà una grande differenza nella risposta che otterrete. Quindi assicurati di non sembrare arrabbiato o amareggiato per il fatto che non ti hanno scelto.

Cerca di sembrare calmo e professionale. Dovresti già concentrarti su altre opportunità e fare domanda per altri lavori. Questa chiamata o e-mail serve solo a raccogliere informazioni per aiutarti a farti assumere da quegli altri datori di lavoro. Quindi hai davvero bisogno di sembrare così.

2. Non cercare di fargli cambiare idea

Hanno preso la loro decisione. Uno dei motivi per cui ci vuole così tanto tempo per avere una risposta dopo un colloquio è che sono cauti nella loro decisione. Se ti dicono che hanno deciso di andare in un’altra direzione, hanno deciso.

Quindi questa telefonata o e-mail non dovrebbe riguardare il tentativo di fargli cambiare idea. Stai raccogliendo feedback e cercando di fargli condividere informazioni che ti aiuteranno a ottenere *altre* offerte di lavoro.

Discutere con loro non ti aiuterà a farlo.

Quindi non volete iniziare la chiamata cercando di persuaderli a riconsiderare. Questo ucciderà completamente le vostre possibilità di ottenere un feedback utile.

3. Non agire in modo disperato o supplicare

Non importa cosa succede, non cominciare a sembrare disperato e non supplicare. Li farà desiderare ancora meno di assumerti (se si apre una posizione futura, ecc.)

Lascia le cose in buoni rapporti in modo che ti ricordino come un grande candidato a cui possono pensare in futuro per altre posizioni.

Facendo questo, puoi anche fare rete con loro in futuro. Anche se non ti assumeranno mai direttamente, forse finiranno per collegarti con qualcuno che ti assumerà tra qualche anno.

4. Non “respingere” il feedback che ti danno

Parte del chiedere un feedback o una critica è accettarla e ascoltarla (altrimenti come si fa a migliorare?)

Quindi, se condividono qualsiasi feedback, ringraziateli per questo. Non discutere o fare una contro-argomentazione.

Molti datori di lavoro non forniranno alcun feedback dopo avervi rifiutato.

Anche se segui i passi qui, non otterrai un feedback da tutti i datori di lavoro.

Perché? Le politiche aziendali e i consigli dei loro avvocati spesso impediscono alle risorse umane e ai responsabili delle assunzioni di condividere molti feedback.

Quindi, per quanto questo possa essere frustrante, rendetevi conto che non sono obbligati a condividere nulla.

E se condividono il feedback, è davvero un favore che stanno facendo, e un segno che sono una grande azienda in termini di come trattano i candidati.

Questo potrebbe essere difficile da sentire se stai lottando per trovare un lavoro, ma arrabbiarsi con un datore di lavoro che si prende il tempo di darti un feedback non ti aiuterà.

Lascia la porta aperta

Ho detto sopra che non dovresti discutere o cercare di convincerli a riconsiderarti per il lavoro (perché non funzionerà).

Tuttavia, non c’è niente di male nel terminare la tua chiamata o email dicendo:

“Apprezzo molto il tuo tempo in questo processo, anche se alla fine non ha funzionato. Se si apre un altro ruolo per il quale pensi che io possa essere più adatto, non esitare a contattarmi. Grazie ancora per il tempo speso a discutere di questa opportunità con me”.

Ecco come puoi lasciare la porta aperta in modo professionale… senza discutere… senza sembrare arrabbiato… e senza sembrare bisognoso o disperato.

Ricorda di rimanere positivo e usa il feedback per migliorare

Se segui i passi di cui sopra, avrai più probabilità di ottenere un feedback dopo un rifiuto di lavoro. Non otterrai mai un feedback dal 100% delle aziende a cui lo chiedi, non importa come rispondi a un rifiuto di lavoro – alcuni datori di lavoro semplicemente non condividono queste informazioni. Ma avrai un tasso di successo molto più alto.

Poi puoi usare il feedback per migliorare le tue capacità di colloquio e aumentare le tue possibilità di ottenere un’offerta di lavoro nel tuo prossimo colloquio!