Questo articolo è stato approvato da un Career Coach di Indeed.


Un terzo colloquio potrebbe significare che il responsabile delle assunzioni è vicino a farti un’offerta, o che qualcuno in una posizione più alta vuole incontrarti. Qualunque scenario possa verificarsi, devi essere preparato. Il tuo terzo colloquio dovrebbe aggiungere un livello di profondità e comprensione del lavoro, dato che ora fai parte di una serie più piccola di candidati qualificati che la società sta seriamente considerando. In questa guida, discutiamo cos’è il terzo colloquio, come funziona e, soprattutto, come prepararlo.

Perché le aziende hanno un terzo colloquio?

Le aziende di solito vagliano e valutano molti candidati attraverso più colloqui per trovare il miglior candidato per il lavoro. Mentre il processo di reclutamento varia a seconda della società e della posizione, di solito comprende il primo colloquio, che si può completare per telefono (chiamato anche screening telefonico). Poi c’è il secondo colloquio, che viene fatto faccia a faccia per saperne di più su di te dopo il colloquio iniziale e per confrontare te e le tue capacità con altri candidati. Infine, completerai il terzo colloquio, che aiuta il responsabile delle assunzioni a capire se saresti un ottimo candidato non solo per una particolare posizione, ma anche per l’intera azienda.

Un terzo colloquio è una buona indicazione del fatto che sei uno dei migliori candidati per il lavoro. Tuttavia, dovete essere ben preparati perché la società o il responsabile delle assunzioni condurrà un’analisi approfondita di come vi inserireste nelle dinamiche dell’ambiente di lavoro della società.

Correlato: 125 domande e risposte comuni per le interviste (con suggerimenti)

Come funzionano le terze interviste?

A seconda del livello della posizione, il terzo colloquio può essere condotto da un membro della leadership senior della società o, se si tratta di una società piccola o media, dall’amministratore delegato (CEO). A volte, la persona che ha condotto il vostro primo e secondo colloquio condurrà il terzo colloquio. Probabilmente incontrerete anche diverse persone nell’ufficio, compresi i potenziali colleghi, e potreste anche avere più colloqui con queste persone.

Un terzo colloquio comporta solitamente domande comportamentali, in quanto queste permettono al responsabile delle assunzioni di valutare la vostra idoneità alla cultura generale del luogo di lavoro. Comporta anche domande intensive che rivelano cose come la tua preferenza per il lavoro in un ambiente tranquillo rispetto a un ambiente più animato, la tua capacità di lavorare in una squadra e di collaborare tra i dipartimenti e se hai un approccio tradizionale al lavoro o sei un amante del rischio.

Le aziende useranno anche la terza intervista per sapere come reagite in certe situazioni difficili, come ad esempio come date la priorità a scadenze concorrenti, come gestite lo stress e come reagireste se sorprendeste un collega a fare qualcosa di immorale.

Alla fine del terzo colloquio, ci si aspetta che facciate domande più approfondite come “Chi ha ricoperto questa posizione prima e dove si trova ora?” e “Qual è il problema più impegnativo che la persona in questa posizione deve risolvere?” Il terzo colloquio è anche un luogo appropriato per iniziare i colloqui sul salario.

Correlato: 12 domande e risposte difficili per le interviste

Suggerimenti per prepararsi a un terzo colloquio

Per preparare il tuo terzo colloquio, dovresti pensare a te stesso nella posizione e a come potresti contribuire alla società. Prenditi del tempo per approfondire la tua comprensione del lavoro, della società e dei problemi che stanno cercando di affrontare. Per fare questo, fai i seguenti passi prima del tuo terzo colloquio:

  • Rivedere gli appunti o ricordare le informazioni dei colloqui precedenti.
  • Preparare le risposte alle domande comportamentali.
  • Cerca i tuoi intervistatori.
  • Prepara alcune domande da porre ai tuoi intervistatori.

Rivedere gli appunti o richiamare le informazioni dai tuoi precedenti colloqui

Durante il tuo primo e secondo colloquio, è probabile che tu abbia appreso più dettagli sul lavoro e sulle aspettative della società. Confronta di nuovo ciò che hai appreso in quei colloqui con le tue qualifiche ed evidenzia le aree in cui le tue qualifiche e competenze sono particolarmente utili.

Preparare le risposte alle domande comportamentali

Durante i tuoi primi due colloqui, potresti aver risposto a domande generali come “Parlami di te” o “Perché vuoi questo lavoro?”. Per il tuo terzo colloquio, dovresti prepararti alle domande comportamentali. Le domande comportamentali si concentrano su come avete gestito una varietà di situazioni lavorative in passato. Le tue risposte a queste domande riveleranno la tua personalità, le tue capacità e le tue abilità. Alcuni esempi di domande comportamentali sono i seguenti:

  • Descrivi una situazione stressante nel tuo lavoro precedente e come l’hai gestita.
  • Ha gestito una situazione difficile con un dipendente o un collega? Come?
  • Come ha gestito una situazione difficile con un cliente, con un supervisore o con un altro dipartimento?
  • Come ha gestito il rispetto di una scadenza stretta?

Correlato: Domande di intervista comportamentale (e come rispondere)

Cerca i tuoi intervistatori

Potresti essere intervistato dal responsabile delle assunzioni, dai membri del dipartimento o del team a cui ti unirai o dalla direzione superiore, compresi i fondatori o i dirigenti. Se non hai ricevuto un’agenda dal selezionatore della società con i nomi dei tuoi intervistatori, chiedi loro di mandartela. Questo ti permette di fare qualche ricerca sui tuoi intervistatori, il che può aiutarti a pianificare le tue conversazioni. Concentrate la vostra ricerca sulle iniziative o sui progetti che potrebbero aver condotto, su alcuni dei loro riconoscimenti o risultati, o su qualsiasi cosa che dimostri che avete fatto i vostri compiti.

Preparate alcune domande da porre ai vostri intervistatori

Oltre a preparare le risposte alle domande comportamentali, dovresti anche prepararti a fare domande. Fare domande aiuta il responsabile delle assunzioni a valutare il tuo interesse per la posizione. Domande intelligenti dimostrano che ti sei preparato per l’intervista e che conosci la società e la posizione. Se hai già fatto molte domande durante il tuo primo e secondo colloquio, puoi fare le stesse domande durante il terzo colloquio se hai un intervistatore diverso. Questo vi permette di ottenere un’altra prospettiva.

Alcune buone domande da porre a un intervistatore sono le seguenti:

  • Cosa serve per avere successo in questa posizione o azienda?
  • Quali sono le caratteristiche comuni dei vostri lavoratori di maggior successo?
  • Quali sono alcune delle sfide che l’azienda/il dipartimento sta affrontando in questo momento?
  • Può descrivere la cultura dell’azienda?
  • Quali sono le aspettative dell’azienda per questo ruolo durante i primi 30, 60 o 90 giorni?

Correlato: Come usare la tecnica di risposta all’intervista STAR

Come fare bene in una terza intervista

Ecco alcuni passi per completare il tuo terzo colloquio:

1. Non dare per scontato

Sebbene dobbiate essere orgogliosi di essere arrivati a questo punto del processo di intervista, non date per scontato che riceverete il lavoro e che questa terza tornata di colloqui sia una formalità. Dovete ancora presentarvi come il miglior candidato per il lavoro senza sembrare arroganti. Siate sempre attenti, anche se l’intervistatore e l’ambiente sembrano più rilassati. Tratta il terzo giro di colloqui con la stessa professionalità e serietà che hai avuto con i precedenti intervistatori e continua a promuoverti come la scelta giusta per il ruolo.

2. Dissipare le idee sbagliate

Se nel vostro primo o secondo colloquio c’erano cose che sembravano essere una preoccupazione per l’intervistatore, affrontatele nel terzo colloquio. Per esempio, se il responsabile delle assunzioni ha notato che sono preoccupati per la tua mancanza di esperienza con una specifica applicazione o software, o per quanto tempo ti ci vorrebbe per trasferirti, dovresti essere proattivo nel parlarne nel terzo colloquio. Per esempio, potreste dire

  • “Siccome so che eravate preoccupati per la mia limitata esperienza di lavoro con QuickBooks, mi sono iscritto a un programma di formazione di tre giorni presso il locale community college per assicurarmi di essere pronto a lavorare immediatamente, se mi assumete per il lavoro”.
  • “Mi rendo conto che questa posizione richiederebbe un trasferimento immediato, quindi ieri ho incontrato un agente immobiliare per discutere quanto velocemente potrei mettere in vendita la mia casa, e ho anche visitato diversi quartieri qui fuori per vedere che tipo di alloggi temporanei sono disponibili. In base a tutto quello che ho fatto, penso di poter essere qui senza problemi entro la fine del mese prossimo”.
  • “So di avere un’esperienza limitata nei social media nel mio lavoro, ma ho usato i social network per promuovere gli enti di beneficenza con cui faccio volontariato nei fine settimana, e ho aumentato i loro follower del 15% e i loro donatori di circa il 10% nell’anno precedente.”

3. Comportati come se appartenessi al lavoro

Parte del persuadere il responsabile delle assunzioni che sei il candidato giusto per il lavoro include aiutarlo a immaginarti nella posizione. Cambia il tuo linguaggio da una prospettiva “tu” a una prospettiva “noi” durante il colloquio. Sentitevi liberi di affrontare argomenti operativi o interni che potrebbero essere stati precedentemente riservati o off-limits. Per esempio:

  • “Ho rivisto il nostro rapporto finanziario annuale e ho notato una diminuzione dei guadagni relativi alle vendite elettroniche, ma un drammatico aumento delle vendite di accessori e delle sottoscrizioni dei membri. Potete dirmi quale potrebbe essere la ragione dietro a ciò, e come possiamo affrontare la cosa dal punto di vista del marketing nel prossimo anno?”
  • “Ho capito che la nostra azienda lancerà un nuovo prodotto l’anno prossimo. Il dipartimento di marketing ha iniziato a sviluppare un piano di lancio o è qualcosa in cui dovrei essere coinvolto?”
  • “Ci sono particolari preoccupazioni o questioni a cui potrei dare la priorità nei primi 60 giorni?”

4. Negoziare il salario

Un terzo colloquio è spesso un colloquio finale, quindi c’è una buona probabilità che si parli di stipendio e vantaggi. Potresti anche ricevere un’offerta alla fine del colloquio. Dovresti essere preparato facendo ricerche sulla paga media per il lavoro e decidendo quale cifra ti serve per dire di sì.

Lasciate che il responsabile delle assunzioni o l’intervistatore parli prima della retribuzione e dei benefici. Potresti sapere che il discorso sullo stipendio è il prossimo all’ordine del giorno, ma come cortesia professionale, devi permettere all’intervistatore di dirigere dove e quando avviene. Inoltre, tenete presente che non dovete decidere subito. Potete fare domande chiarificatrici, ma è anche opportuno ritardare la vostra decisione finale.

I responsabili delle assunzioni probabilmente capiranno se li ringraziate per l’offerta di stipendio e chiedete tempo per pensarci su. Tuttavia, se l’offerta salariale supera le vostre aspettative e siete soddisfatti di tutti gli altri elementi del pacchetto d’offerta, allora non esitate ad accettare l’offerta.

Ecco alcuni esempi di risposta:

  • “Grazie per l’offerta, sono molto lusingato, ma vorrei parlarne con la mia famiglia. Posso tornare da lei domani?”.
  • “È un’offerta molto equa. Sono molto contento del pacchetto complessivo, e sarei entusiasta di unirmi all’azienda. Potrei chiedere i dettagli per iscritto?”.
  • “Apprezzo il vostro invito a unirmi al team, ma temo che lo stipendio sia inferiore a quello che mi aspettavo. C’è una certa flessibilità nella cifra che avete offerto?”.

Correlato: Come parlare dello stipendio in un colloquio di lavoro

5. Inviare una nota di follow-up o un’e-mail

Dopo che il tuo terzo colloquio è finito, manda una nota di follow-up o un’e-mail al tuo intervistatore. Una nota di follow-up mostra buone maniere e ti permette di menzionare qualsiasi cosa tu abbia dimenticato di dire durante il colloquio. Ti permette anche di fare una rapida revisione del perché sei adatto al ruolo. Aiuta anche il responsabile delle assunzioni a ricordare chi sei.