Ad un certo punto durante il processo del colloquio, ti potrebbe essere chiesto di descrivere i tuoi punti di forza e di debolezza personali. Molti candidati al lavoro non sono sicuri di come affrontare questa domanda. Tuttavia, stabilendo il contesto appropriato, puoi dare ai responsabili delle assunzioni una risposta onesta e ponderata che evidenzia sia la tua consapevolezza di te stesso che la tua professionalità.

Prepararsi in anticipo per questa domanda è un uso prezioso del tuo tempo prima del colloquio. Anche se non ti vengono chiesti specificamente i tuoi punti di forza e di debolezza, scrivere la tua risposta a questa domanda comune ti darà una descrizione sincera ma convincente di ciò che porti sul tavolo e di come desideri crescere in futuro. Con questi punti di conversazione a portata di mano, sarai in grado di rispondere con sicurezza a molte domande comuni del colloquio.

Nelle sezioni sottostanti, troverai risposte di esempio, esempi di punti di forza e di debolezza e consigli su come preparare la tua risposta.

Correlato: Come prepararsi a un colloquio di lavoro

Elenco dei punti di forza e di debolezza

Esempio di punti di forza

Se non sei sicuro dei tuoi punti di forza, chiedi ad alcuni tuoi amici o colleghi quali sono le tue migliori qualità. Fai riferimento a qualsiasi feedback scritto che hai ricevuto in passato da colleghi o manager.

Alcuni esempi di punti di forza includono:

  • Orientato all’azione/imprenditoriale

  • Attento/dettagliato

  • Collaborativo

  • Impegnato/dedicato

  • Creativo

  • Determinato

  • Disciplinato/focalizzato

  • Empatico

  • Entusiasta/appassionato/guidato

  • Flessibile/versatile

  • Onesto

  • Innovativo

  • Paziente

  • Rispettoso

Esempio di debolezza

Poiché tutti noi abbiamo delle debolezze ma raramente vogliamo ammetterle, è meglio iniziare con una risposta sincera e costruire il tuo copione da lì. Seleziona una risposta che un responsabile delle assunzioni non considererebbe qualità o abilità essenziali per la posizione così come qualità che stai attivamente migliorando.

Alcuni esempi di debolezze includono:

  • Disorganizzato

  • Autocritico/sensibile

  • Perfezionismo (nota: questo può essere un punto di forza in molti ruoli, quindi assicurati di avere un esempio di come il perfezionismo può essere un problema per dimostrare che hai pensato profondamente a questo tratto)

  • Timido/non abile nel parlare in pubblico

  • Competitivo (nota: analogamente al perfezionismo, questo può essere un punto di forza)

  • Esperienza limitata in un’abilità non essenziale (specialmente se evidente sul tuo curriculum)

  • Non abile nel delegare i compiti

  • Assumere troppe responsabilità

  • Non orientato ai dettagli/troppo orientato ai dettagli

  • Non sei a tuo agio nel prendere rischi

  • Troppo concentrato/mancanza di concentrazione

“Quali sono le tue più grandi debolezze?” esempi di risposte

Ti possono essere chiesti i tuoi punti di forza e le tue debolezze in una sola domanda o ti possono essere chiesti in due domande separate. Nel caso in cui ti vengano chiesti i punti di forza e le debolezze allo stesso tempo, discuti prima la tua debolezza in modo da poter concludere con una nota positiva.

Quando affronti le tue debolezze, prendi spunto da esempi relativi alle abilità/abitudini o ai tratti della personalità. Puoi scegliere su quale concentrarti a seconda del tipo di lavoro per il quale stai facendo il colloquio. Per esempio, discutere un’abilità o un’abitudine può essere molto rilevante per una posizione tecnica. Per un ruolo nelle vendite o nel servizio clienti, il tuo intervistatore potrebbe essere più interessato a conoscere i tuoi tratti di personalità. Nessuna delle due scelte è strettamente sbagliata o giusta. Rileggi la descrizione del lavoro per avere indizi su ciò che può essere più importante per questo ruolo specifico.

La formula per la tua risposta è facile da seguire: Per prima cosa, dichiara la tua debolezza. Secondo, aggiungi un contesto aggiuntivo e un esempio specifico o una storia di come questa caratteristica è emersa nella tua vita professionale. Questo contesto darà ai potenziali datori di lavoro un’idea del tuo livello di autoconsapevolezza e di impegno nella crescita professionale. Nelle risposte di esempio qui sotto, vedrai la debolezza seguita da frasi di contesto in corsivo:

Esempio di debolezza 1: autocritica

“Posso essere troppo critico con me stesso. Un modello che ho notato durante la mia carriera è che spesso sento che avrei potuto fare di più, anche se oggettivamente ho fatto bene. All’inizio della mia carriera, questo ha portato al burnout e all’autocritica negativa. Una soluzione che ho implementato negli ultimi tre anni è quella di mettere in pausa e celebrare attivamente i miei successi. Non solo questo ha aiutato la mia autostima, ma mi ha anche aiutato ad apprezzare e riconoscere sinceramente il mio team e gli altri sistemi di supporto”.

Esempio di debolezza 2: mancanza di fiducia

“Sono naturalmente timido. Fin dal liceo e nelle mie prime interazioni professionali, mi ha impedito di parlare. Dopo aver fatto parte di un gruppo di lavoro che non ha raggiunto i nostri obiettivi strategici per due trimestri di fila, sapevo che lo dovevo alla mia squadra e a me stesso di condividere con fiducia le mie idee. Mi sono iscritto ad un corso di recitazione improvvisata – è divertente e mi ha davvero aiutato a superare la mia timidezza. Ho imparato abilità pratiche nel condurre discussioni e nel condividere prospettive diverse. Ora, negli ambienti di gruppo, inizio sempre le conversazioni con le persone più tranquille. So esattamente come si sentono e le persone possono essere incredibili una volta che iniziano a parlare”.

Esempio di debolezza 3: difficoltà a fare domande

“Ho l’abitudine di credere di poter risolvere qualsiasi problema da solo. Questo funziona bene in alcune situazioni, ma in molti casi, ho bisogno dell’aiuto di altri per superare fattori al di fuori del mio controllo. In un caso, l’anno scorso, stavo guidando un evento per un cliente che aveva molte parti in movimento. Solo dopo l’evento mi sono reso conto di quanto poco avessi fatto. Stavo cercando di gestire tutto, dal piano strategico fino ai più piccoli dettagli, come la sistemazione dei tavoli. Ho fatto molta auto-riflessione in seguito. Da allora, mi alleno a fare un passo indietro prima di tuffarmi nella modalità di risoluzione dei problemi e a identificare persone o gruppi che possono essere delle risorse per me”.

Esempio di debolezza 4: mancanza di esperienza

“Non ho familiarità con l’ultima versione di [insert name of non-critical software]. Invece, mi sono concentrato su [insert name of preferred software] perché il design incentrato sull’utente è diventato una mia forte passione. Nei miei ultimi lavori, è lì che ho passato il tempo ad imparare e a crescere”.

Esempio di debolezza 5: procrastinazione

“Sono sempre stato un procrastinatore. Ero solito pensare che non fosse un’abitudine così brutta perché stavo solo creando stress per me stesso. Ma quando lavoravo per l’azienda XYZ diversi anni fa, ero su un progetto di gruppo dove potevo vedere come il mio rimandare le cose all’ultimo minuto creava stress per tutti gli altri. È stato un campanello d’allarme. Ho iniziato a creare programmi giornalieri che mi tengono responsabile nei confronti della mia squadra e ho rotto l’abitudine. All’inizio è stato difficile, ma usare il processo Agile è stata una vera svolta nel mio flusso di lavoro e nella mia mentalità”.

Esempio di debolezza 6: perfezionismo

“Tendo ad essere un perfezionista e posso soffermarmi sui dettagli di un progetto che possono minacciare le scadenze. All’inizio della mia carriera, quando lavoravo per la ABC Inc. Mi soffermavo sui dettagli e, a sua volta, ho causato lo stress del mio manager quando ho quasi mancato la scadenza delle mie consegne. Ho imparato nel modo più duro allora, ma ho imparato. Oggi sono sempre consapevole di come quello che sto facendo influenzi il mio team e la mia gestione. Ho imparato a trovare l’equilibrio tra il perfetto e l’ottimo e l’essere puntuale”.

Esempio di debolezza 7: difficoltà con un’area di competenza

“La matematica non era la mia materia più forte a scuola. Ad essere onesti, da studente, non capivo come sarebbe stata applicabile nella mia vita adulta. Dopo pochi anni nel mondo del lavoro, però, ho capito che volevo portare la mia carriera in una direzione più analitica. All’inizio non ero sicuro da dove iniziare, ma ho trovato alcuni corsi online gratuiti che mi hanno rinfrescato le basi importanti. Nel mio lavoro più recente, questa nuova base mi ha permesso di fare da sola la definizione e il monitoraggio degli obiettivi. In realtà, superare l’ansia matematica che avevo quando ero più giovane è stato incredibilmente potenziante”.

Naturalmente, dovrai personalizzare gli esempi di cui sopra in base alla tua debolezza personale e ai modi in cui ti stai adattando e migliorando.

“Quali sono i tuoi più grandi punti di forza?” risposte di esempio

È sorprendentemente difficile per molte persone parlare dei propri punti di forza durante un colloquio. È impegnativo bilanciare la tua umiltà con il bisogno di proiettare fiducia. Come per le debolezze, puoi generalmente scegliere tra abilità/abitudini e tratti di personalità. Usa la descrizione del lavoro come guida mentre selezioni i tuoi punti di forza. Segui la stessa formula di forza + contesto e storia. Quando fornisci il contesto per i tuoi punti di forza, affronta le qualità specifiche che ti qualificano per il lavoro e ti distinguono come candidato.

Ecco alcuni esempi:

Esempio forza 1: capacità di leadership

“Sono sempre stato un leader naturale. Con più di 10 anni di esperienza nella finanza e nelle vendite, ho superato i miei KPI ogni trimestre e sono stato promosso due volte negli ultimi cinque anni. Guardo indietro a questi successi e so che non li avrei raggiunti se non avessi costruito e guidato squadre composte da individui altamente qualificati e diversi. Sono orgoglioso della mia capacità di portare gruppi interfunzionali sulla stessa pagina. Ho regolarmente affinato le mie capacità di gestione attraverso revisioni a 360 e sessioni sincere con il mio team, e so che continuare a costruire il mio capacità di leadership è qualcosa che voglio dal mio prossimo ruolo”.

Correlato: “Descrivi la tua esperienza come leader”

Esempio di forza 2: capacità di collaborazione

“Sono molto collaborativo e ho sempre preferito lavorare in gruppo. Nei team di progetto che ho diretto, i membri lavorano con una varietà di persone e sono motivati da diversi compiti creativi. Da quando ho iniziato a gestire il mio attuale team, ho aumentato la produttività del 15% e la ritenzione del 25% in tre anni”.

Esempio di forza 3: abilità interpersonali

“Sono una persona empatica che è abile a relazionarsi con le persone e a farle sentire ascoltate. In un caso memorabile all’inizio di quest’anno, ero in una chiamata di supporto con un cliente il cui contratto era stato rescisso. Ripristinare il contratto di servizio avrebbe aumentato le sue tariffe in modo drammatico. Era comprensibilmente sconvolta e si sentiva in trappola perché non poteva rimanere senza assicurazione auto per lei e la sua famiglia. È diventato chiaro molto rapidamente che non potevamo soddisfare le sue esigenze ma volevo che se ne andasse con un’impressione favorevole del servizio che avevamo fornito. Le ho parlato di alcune delle sue altre opzioni, facendole anche conoscere altri fornitori che potrebbero essere in grado di offrirle una tariffa più bassa in modo da evitare un’interruzione della copertura. Nel sondaggio di feedback di quell’interazione, ha specificamente menzionato che avrebbe ancora raccomandato i nostri servizi ad altri. Nella mia carriera nell’assistenza clienti, ho avuto molte interazioni come questa – sono complesse ma finiscono con il cliente che si sente ancora positivo”.

Esempio di forza 4: competenze tecniche (software)

“Sono ossessionato dall’ultima versione di [insert name of new software]. Ho iniziato a spingere i confini di ciò che poteva fare non appena è stata rilasciata. Sono entusiasta di applicare la mia passione e le mie capacità a questa posizione e di spingere i limiti di questo programma per la tua azienda”.

Esempio di forza 5: abilità tecniche (scrittura)

“Ho capacità di scrittura estremamente forti. Ho lavorato come copywriter per otto anni in diversi settori e sono impegnato sia nell’eccellenza creativa che nelle metriche di performance quando si tratta del mio lavoro. Ho dovuto imparare a trovare l’equilibrio perfetto tra la creatività e l’analitica, ed è una mia passione personale dimostrare ciò che una buona scrittura può ottenere per la linea di fondo – nella pubblicità o in altro modo”.

Correlato: “come parlare del proprio background educativo”

Esempio di forza 6: persistenza

“Sono scrupoloso e tenace. Quando sono su un progetto, tengo traccia dei dettagli. Poiché ho una comprensione completa dei componenti, posso individuare gli elementi essenziali e sostenerli rigorosamente per rispettare le scadenze. Vedo regolarmente questo riflesso nel feedback dei miei colleghi e della direzione”.

Esempio di punto di forza 7: capacità di organizzazione

“Non perdo mai una scadenza. Sono altamente organizzato e ho applicato la mia naturale abilità nell’organizzare persone e progetti a tutti gli aspetti del mio lavoro. Dopo sette anni di lavoro come project manager, ho avuto un solo lancio di prodotto in ritardo. Da quell’esperienza, avvenuta tre anni fa, ho imparato una lezione cruciale sui compromessi. Ho speso del tempo per affrontare un bisogno cruciale del design e questo ha spinto indietro tutto il resto. Non scambierei le lezioni che ho imparato da quell’esperienza con niente – essere sicuro di comunicare alle parti interessate gli imminenti blocchi stradali, in primo luogo”.

Come per gli esempi di debolezza, dovrai adattare le tue scelte di forza e le risposte in base alla tua esperienza e alle tue capacità. Quando scrivi il tuo script, tieni a mente alcuni suggerimenti aggiuntivi:

  • Non elencare molteplici e vaghi punti di forza. Rimani concentrato su una o due qualità chiave che si riferiscono direttamente al ruolo e supportale con esempi specifici e rilevanti.

  • Non fare battute.

  • Non essere arrogante, gonfiare le tue forze o mentire sulle tue capacità.

  • Tuttavia, non essere troppo umile e non sottovalutarti.

Ricorda, mentre prepari la tua risposta alla domanda del colloquio “Quali sono i tuoi punti di forza e di debolezza?”, è importante:

  • Assicurati che i tuoi punti di forza supportino la descrizione del lavoro e ti distinguano come candidato

  • Non essere troppo umile

  • Sii specifico nelle tue risposte

Anche se spesso è una delle domande più temute del colloquio, quando ti prendi del tempo per preparare una risposta ponderata, puoi creare una storia unica su chi sei e dove vuoi andare. Mentre prepari le tue risposte, trasforma le debolezze in sfide che hai superato e i punti di forza nel motivo per cui sei adatto al lavoro.